Settantaquattro. Folle

Siamo usciti ancora oggi pomeriggio. Il giardino non basta più. Normale. Non lo dimentichiamo, la gratitudine è tanta, ma ciao, noi andiamo.La motivazione ha un effetto doping. I compiti dei figli rendono quasi il doppio, se continua così non dovremo sconfinare nel sabato per finire la settimana. Speriamo. È un po’ che sogno il nulla…

Continua a leggere Settantaquattro. Folle

Settantadue. Mammità

Divento mamma grazie a un incrocio. Di gente e paesi, di geni non miei. Le vie tradizionali in famiglia le frequentiamo poco. Non che non ci piacciano, è che succede così. Nel progetto comune ci sono i figli? Mica arrivano tranquilli su sentieri battuti. La nostra cicogna si mette in malattia, prende le ferie, l’anno…

Continua a leggere Settantadue. Mammità

Settantuno. Nel nome del sito

Non si vede più. Eppure so che c’è. Come lo zucchero nel caffè.Non servono più tende opportune a celare i momenti, il sipario stagionale è calato sulle scene d’interni. La cena tardi, il cambio di lenzuola, la sigaretta affacciata. Inghiottiti dal verde, i settantuno torneranno a vedersi in autunno. Ma sono sempre laggiù. Dove tutto…

Continua a leggere Settantuno. Nel nome del sito

Settanta. Croce sul cuore

Il giorno della vittoria è andato. Senza clamore, quasi inosservato.Ma c’è un altro otto maggio di cui parliamo oggi a tavola con i figli. È più antico, ed è un compleanno. Anni fa io e il marito partecipavamo sempre ai festeggiamenti che duravano una settimana. C’erano i palloncini alle frontiere, li regalavamo insieme alle penne…

Continua a leggere Settanta. Croce sul cuore

Sessantotto. Panselinos

È ormai da un po’ che dormo a rate.Una volta a letto i figli, io e il marito ci impossessiamo di divano e schermo grande e scegliamo su quale film addormentarci. Ultimamente va di moda una serie con protagonista un detective che ha il nome di una scimmia ed va pazzo per l’ordine. Un matto…

Continua a leggere Sessantotto. Panselinos

Sessantacinque. La fatica

Stamattina vengo svegliata dal profumo di cornetti caldi e caffè. C‘è un silenzio dolce in casa. Scendo le scale di buonumore e mi saluta il sole tra gli alberi in giardino.Il figlio legge sul divano, la figlia disegna il mare, il minicane scodinzola allegro e il marito mi passa un sorriso e la tazza fumante.…

Continua a leggere Sessantacinque. La fatica