Categoria: Senza categoria

Trentacinque. L’alternativa

Valangalù. Vuol dire buongiorno in banzaiese. La figlia lo parla correntemente, lei e gli abitanti di un paesino dell’Africa del Sud.Valangalù, mamma.Buongiorno anche a te, figlia. La futura ‘scientifica’ non è nuova a queste abilità. Tempo fa aveva inventato la marincola, uno strumento musicale innovativo di cui si sono persi progetto e prototipo. Peccato. Per…

Continua a leggere Trentacinque. L’alternativa

Trentaquattro. La promessa

Ho un’amica. Ci sentiamo via Skype di tanto in tanto. Lei fa sempre qualcosa quando parla con me, infaticabile. Io ne approfitto per spedire tutti al confino e bere un caffè in sua compagnia. Come oggi. Due del pomeriggio. Il marito nel bunker informatico, i figli in pausa film, il minicane spiaggiato sul suo cuscino.…

Continua a leggere Trentaquattro. La promessa

Trentatré. Di passaggio

Non posso più rimandare. È passato troppo tempo dall’ultima volta. Non ho più scuse.Oggi stiro.Ci sono camicie di cui il marito ha dimenticato l’esistenza e che si sono date alla pazza piega nell’allegra ammucchiata delle ultime settimane. Il telelavoro non aiuta a stimolare la discesa del livello e in questo periodo ci sono altre priorità.…

Continua a leggere Trentatré. Di passaggio

Trentadue. Diversioni

Ci sono giorni in cui pensi di sapere dove andare, invece la vita prende una direzione tutta sua. E tu ti ci devi adeguare. Come oggi, tanto per fare un esempio, che dovevo solo uscire a fare la spesa.Mi sveglio presto. In tempi liberi, riempire la dispensa è un’attività senza infamia e senza lode, un’incombenza…

Continua a leggere Trentadue. Diversioni

Trentuno. Storie d’acqua

La figlia è rimasta un po’ indietro con i compiti. Tipo due settimane. Su quattordici giorni di confinamento. Ha letto, giocato con le tabelline, cantato quello che si deve cantare, ma il programma non ce l’ha fatta. Non ce l’ho fatta. Ogni giorno ha un elenco di cose da fare e sono tante. Sono le…

Continua a leggere Trentuno. Storie d’acqua

Trenta. La cura

Stanno tutti bene.È il nuovo slogan pubblicitario della famiglia. Arrangiato in un jingle polivalente, passa in casa come rap, rock o lento a seconda dell’ispirazione e del momento. È la figlia che propone il ritmo, di solito, intonandolo mentre gioca con la Barbie o si difende dai mantra del fratello. Siamo grati al telefono che…

Continua a leggere Trenta. La cura

Ventinove. Cambio di tempo

Un lato positivo di questo strano periodo sospeso è che non serve più la sveglia. Il figlio ha un ottimo orologio biologico in tempo di pace e quando si alza lo comunica a tutto il resto della tribù. Impossibile restare a letto oltre le otto e mezza. Ma nell’altra vita di sveglie ne metto tre,…

Continua a leggere Ventinove. Cambio di tempo

Ventotto. Anniversario

Dieci anni anni fa. Apro la finestra di casa e vedo Atene all’orizzonte. Dieci anni fa. Ci alziamo all’alba, io e il marito, facciamo colazione in silenzio.Dieci anni fa. Oggi arriva il figlio a casa. La borsa con i vestiti è pronta: un paio di jeans, un maglioncino a righe blu, un giubbotto rosso. Le…

Continua a leggere Ventotto. Anniversario

Ventisette. Apriti sesamo

È cominciata anche qui. La rivolta. Me lo aspettavo, ma non così, non oggi. Che sembrava un giorno di confinamento come un altro: la colazione, i compiti, il telelavoro, un paio di telefonate a Casa, un salto in giardino a sgranchirsi prima di pranzo. Niente lo lasciava presagire. E invece è successo.Il marito è appena…

Continua a leggere Ventisette. Apriti sesamo

Ventisei. Il supereroe

C’è una bella piscina a un quarto d’ora a piedi da casa nostra. Purtroppo con le ultime restrizioni è fuori dal raggio di un chilometro consentito agli sportivi. E poi le piscine le hanno chiuse da un pezzo. Peccato. L’acqua piace a tutta la famiglia e ai bei tempi ci andavamo abbastanza spesso. La figlia…

Continua a leggere Ventisei. Il supereroe