100 e venti. Facciamo che ero

La figlia gioca con le Barbie. E fin qui niente di nuovo. Pettina, spettina, vesti, svesti, metti le scarpe, togli le scarpe. Un gioco da ragazze. Oggi però raggiunge livelli interessanti. A tratti inquietanti. Perché lo fa in diretta video telefonica con la sua amica. Ma andiamo con ordine.Sabato pomeriggio. Siamo appena rientrate dalla chiusura…

Continua a leggere 100 e venti. Facciamo che ero

100 e quattordici. Estate

Sono quasi le undici e temperiamo matite. Buffo modo di conciliare il sonno, ma domani la figlia riprende la scuola, il suo astuccio ha bisogno di una piccola messa a punto. E noi si fa tutto à la dernière minute. Ci incarichiamo io e il marito delle riparazioni, lei si è addormentata da poco tra…

Continua a leggere 100 e quattordici. Estate

100 e tredici. Da grande

Si perde pure la griglia di babbonatale. Senza rimpianti. Non chiede quante salsicce ci sono e non scende in giardino a vedere come funziona. Oggi a pranzo il figlio ha da fare. Oggi si trova con il suo gruppo del sabato. Da solo. È l’ultimo incontro della stagione e, invece di chiacchierare al centro o…

Continua a leggere 100 e tredici. Da grande