Trentotto. La grazia

Vado a teatro, stasera. Ho il posto in prima fila e non c’è la ressa per il biglietto. In un primo tempo volevo portarci tutta la famiglia, ma poi ho cambiato idea. Siamo sempre insieme, insieme mangiamo, insieme studiamo, insieme parliamo. Tutti insieme. Sempre insieme. Devo togliere il tappo ogni tanto, se no salta in…

Continua a leggere Trentotto. La grazia

Trentasette. Influenza positiva?

La trasformazione è in atto. Inarrestabile. Se il sole tiene ancora qualche settimana il cambiamento potrebbe diventare definito. Sono giorni che la luce è cambiata e non solo per l’ora spostata. L’astro bollente sta scaldando i giardini, tra poco il ciliegio esploderà di fiori e le foglie si apriranno. I vicini di destra guardando da…

Continua a leggere Trentasette. Influenza positiva?

Trentasei. In nomine

Nella vita fuori andiamo poco al cinema. Questione di organizzazione settimanale e di programmazione, ma quando lo si fa diventa un evento di memoria. E rivedere lo stesso film sul divano ci riporta alla storia del grande schermo, ma anche a come eravamo quando l’abbiamo visto. Oppure colleghiamo pellicole diverse e via così. Sembrava un…

Continua a leggere Trentasei. In nomine

Trentacinque. L’alternativa

Valangalù. Vuol dire buongiorno in banzaiese. La figlia lo parla correntemente, lei e gli abitanti di un paesino dell’Africa del Sud.Valangalù, mamma.Buongiorno anche a te, figlia. La futura ‘scientifica’ non è nuova a queste abilità. Tempo fa aveva inventato la marincola, uno strumento musicale innovativo di cui si sono persi progetto e prototipo. Peccato. Per…

Continua a leggere Trentacinque. L’alternativa

Trentaquattro. La promessa

Ho un’amica. Ci sentiamo via Skype di tanto in tanto. Lei fa sempre qualcosa quando parla con me, infaticabile. Io ne approfitto per spedire tutti al confino e bere un caffè in sua compagnia. Come oggi. Due del pomeriggio. Il marito nel bunker informatico, i figli in pausa film, il minicane spiaggiato sul suo cuscino.…

Continua a leggere Trentaquattro. La promessa

Trentatré. Di passaggio

Non posso più rimandare. È passato troppo tempo dall’ultima volta. Non ho più scuse.Oggi stiro.Ci sono camicie di cui il marito ha dimenticato l’esistenza e che si sono date alla pazza piega nell’allegra ammucchiata delle ultime settimane. Il telelavoro non aiuta a stimolare la discesa del livello e in questo periodo ci sono altre priorità.…

Continua a leggere Trentatré. Di passaggio

Trentadue. Diversioni

Ci sono giorni in cui pensi di sapere dove andare, invece la vita prende una direzione tutta sua. E tu ti ci devi adeguare. Come oggi, tanto per fare un esempio, che dovevo solo uscire a fare la spesa.Mi sveglio presto. In tempi liberi, riempire la dispensa è un’attività senza infamia e senza lode, un’incombenza…

Continua a leggere Trentadue. Diversioni

Trentuno. Storie d’acqua

La figlia è rimasta un po’ indietro con i compiti. Tipo due settimane. Su quattordici giorni di confinamento. Ha letto, giocato con le tabelline, cantato quello che si deve cantare, ma il programma non ce l’ha fatta. Non ce l’ho fatta. Ogni giorno ha un elenco di cose da fare e sono tante. Sono le…

Continua a leggere Trentuno. Storie d’acqua