X. Attrazione locale

Mai stata una mamma da parco giochi.Quando il figlio viene a casa, ha due anni e mezzo, viviamo all’ombra del Partenone e lo porto alle altalene per prendere un po’ d’aria. Solo che lui preferisce lo scivolo. Si arrampica sulla scaletta, raggiunge la cima, si sistema sulla piccola piattaforma e ci resta. Fa passare tutti…

Continua a leggere X. Attrazione locale

VIII. Transumanza

Il titolo l’ho rubato al mio alter ego. Lo spirito libero che scrive gli spin-off. Nel nominare un’immagine del fatto ci aveva già visto lungo: evento immortalato in previsione di uno scritto documentario. Una vera reporter. Peccato che nelle foto i protagonisti siano ben visibili e riconoscibili. Ergo impubblicabili. Perché ho un mio codice etico…

Continua a leggere VIII. Transumanza

VII. Altro che cavallette

Dobbiamo trovare una soluzione. Perché così non si può andare avanti. Per quanti sforzi facciamo non riusciamo proprio a liberarcene. E il loro numero aumenta, avanzano decisi, come un’armata silenziosa e tenace che occupa i nostri spazi. Non capisco. In Italia ne abbiamo lasciati una buona quantità. Non ne abbiamo portato neanche uno del marito.…

Continua a leggere VII. Altro che cavallette

VI. Franky and friends

Le nostre sere d’estate corrono veloci. E meno male. Perché non sono molto diverse da quelle d’inverno, luce e sudore a parte. Si dorme abbastanza presto, non si frequenta nessuno. Noi maggiorenni, a silenzio riconquistato, stramazziamo sul divano e ci ingozziamo di patatine clandestine. Il nostro più alto livello di trasgressione.Oggi abbiamo giocato per più…

Continua a leggere VI. Franky and friends

V. Il concerto

In Francia i bambini non urlano e i cani non abbaiano. In Italia sono artisti liberi e danno concerti. I cani. E pure i bambini. Ma stamattina sono i migliori amici dell’uomo ad esibirsi. Si producono sotto la finestra di camera nostra che dà sulla strada.La via di Casa è infatti cosparsa di ugole d’oro…

Continua a leggere V. Il concerto

IV. Questione d’accento

Prima o poi andremo a vivere in fattoria. O in un posto dove gli animali contano più degli esseri umani, numericamente parlando. Per equilibrio. Nel frattempo ogni scusa è buona per trovarci in mezzo a quadrupedi e affini. E gli amici che lo sanno ci propongono uscite a tema. Domenica di fine luglio. Il caldo…

Continua a leggere IV. Questione d’accento

III. Il nonno

Nei giorni italiani passo spesso a salutare i miei. Nella casa dove sono cresciuta. È cambiata un po’, si è adattata al numero dei suoi abitanti. In sottrazione.Quando sono nata ci abitavano tre famiglie e mezzo. Dodici persone. Poi i cugini del piano alto si sono trasferiti e la nonna bis pure, nel piano dell’Altissimo.…

Continua a leggere III. Il nonno

II. Piscine

Sta diluviando e dalla portafinestra bombardata di schizzi osservo l’acqua che sale inesorabile. Il tetto della stanza nuova dovrebbe essere una terrazza. Invece ha deciso di farsi piscina. Gentile pensiero questo celeste: ci concede il brivido di una bella vasca a sfioro che si getta in giardino con slancio quasi divino. Perché solo una divinità…

Continua a leggere II. Piscine

I. Riconto

Et voilà. Siamo tornati. Dopo un mese nel caos di Casa. Un mese via da qui. Dal qui e ora.E da ora così riprendo. A scrivere e pensare en même temps. Che per tanti giorni ho solo pensato. E non va bene. Se si pensa troppo la testa suda e i neuroni fanno la ruggine.…

Continua a leggere I. Riconto