CXIX. Atelier cuisine

C’è un magnete in cucina. E non parlo delle calamite attaccamemo sul frigo, quelle che ogni tanto, troppo cariche, cadono liberando foglietti volanti. Dal locale più social della casa si sprigiona una forza di attrazione irresistibile. Il suo essere portatore sano di pasti presenti e futuri gioca un ruolo d’attacco, ma credo ci sia ben…

Continua a leggere CXIX. Atelier cuisine

CXVIII. Caos

E poi sono arrivati. Sulla carrozza di Wonderaunt che serafica li deposita all’ingresso di casa al limite del coprifuoco. Mentre lei affronta chilometri, scavalca montagne, aspetta la sicurezza da valanghe, decide pipìstop in tempi critici, guida e guida fino alla meta senza batter ciglio, noi si prepara l’accoglienza. Il figlio gestisce la sua mattina scolastica…

Continua a leggere CXVIII. Caos

CXVII. Cabinet

La figlia si è messa in pausa anche dalla scuola. Prevedibile. Una piccola vacanza personale prima di quelle ufficiali d’inverno. E anche qui casca il francese. Nel senso che è evidente la superiorità linguistica dei figli di Asterix. Loro non stanno a casa da scuola con una giustificazione tipo ‘guardi, maestra, non sta bene sa…

Continua a leggere CXVII. Cabinet

CXVI. Fuori dal frigo

Sono partiti. I preparativi. Per ripartire. Che in realtà è tutto già smosso, come una tovaglia dopo un pranzo abbondante. Si scrollano le briciole dalla finestra e si esce a prendere aria. Dopo mesi di pancia piena ci vuole proprio una bella passeggiata. E pazienza se si devono fare quasi mille chilometri, la strada è…

Continua a leggere CXVI. Fuori dal frigo

CXV. Ai blocchi

Ha cominciato la caldaia. Senza nessun preavviso, nessuna falsa partenza, si è piantata nel bel mezzo di una gelida notte di gennaio. Trovarsi dieci gradi in cucina prima del caffè non è un buon risveglio. Scendo in garage, la guardo. Non sono un idraulico ma la pressione bassa la riconosco. Chiamo il nostro chauffagiste per…

Continua a leggere CXV. Ai blocchi

CXIV. Prima di cena

Sono un contenitore. Di vita. Anzi di vite. Ovvietà. Lo siamo tutti: ci riempiamo e ci svuotiamo quotidianamente. Chi più chi meno regolarmente. Anni fa assistevo a una lezione in Croce Rossa e la monitrice disse una cosa che mi colpì pesante e che da allora è un meme tormentoso e tormentato. ‘Ci sono persone che…

Continua a leggere CXIV. Prima di cena

CXIII. Trame locali

Finalmente è arrivato. Il mio tessuto stampato a giornale. Mi sono dovuta rassegnare e ordinarlo in scioponlain, perché trovarlo, toccarlo e comprarlo dal vivo non mi è stato possibile. Eppure ci ho provato. Ho chiesto in giro. Chi cuce però è in via d’estinzione. E il raro esemplare che abita qui a sinistra lato strada…

Continua a leggere CXIII. Trame locali

CXII. Nuove rime

Porte du casque obligatoire. Inizia un cantiere nuovo di fronte a sinistra. Durante il primo lock down gli alberi ne avevano già fatto le spese, poi si era fermato tutto, rimandato e silente. La speranza era che se ne fossero dimenticati. Invece l’altro ieri ‘mamma, ci sono i gilets jaunes’. Sì, figlia, ma questi non…

Continua a leggere CXII. Nuove rime

CXI. Neve fai da te

Ieri ha tentato una sortita fra una goccia di pioggia e l’altra, purtroppo però non ce l’ha fatta. Qui ormai la neve è rara come gli italiani in vacanza. Nel pomeriggio ero alla finestra con una tazza di brodaglia calda in mano a fare il tifo, ma o non mi ha sentita o vuol far…

Continua a leggere CXI. Neve fai da te

CX. Second life

Amo l’usato. Il già portato. Il riciclato. Che detto così sa di spazzatura riconvertita, invece. Amo indossare capi di altri. Se li conosco e ne so l’affetto ancora di più. Perché gli oggetti hanno una storia e i vestiti parlano di noi. Ho un maglione di cachemire che ha quasi la mia età. Lo so…

Continua a leggere CX. Second life